Itinerari trekking Montagna

TREKKING SULLO SCILIAR: DALL’ALPE DI SIUSI AL RIFUGIO BOLZANO

on
17/10/2018

Il sentiero che porta dall’Alpe di Siusi al Rifugio Bolzano è uno dei più frequentati di tutta la provincia. Il rifugio Bolzano/Schlernhaus domina coi suoi 2.457 m il massiccio dello Sciliar, la montagna simbolo dell’Alto Adige. Il sentiero per raggiungerlo è impegnativo ma la fatica viene ripagata passo dopo passo dalla vista mozzafiato che spazia dall’Alpe di Siusi al Sassolungo, al Sassopiatto, al Latemar e al Catinaccio

Vista sull'Alpe di Siusi

Come arrivare

Il punto di partenza dell’escursione è Compaccio/Compatsch, raggiungibile con la funivia da Siusi o in macchina arrivando prima delle ore 9.00 (dalle 9.00 alle 17.00 la strada che porta all’Alpe di Siusi è infatti chiusa al traffico).

Chi invece alloggia in una struttura sull’Alpe di Siusi può richiedere un pass temporaneo per salire in macchina anche durante l’orario di chiusura della strada. Il pass viene rilasciato alla stazione forestale S. Valentino previa presentazione della conferma di prenotazione e ti permette solo di raggiungere quella specifica struttura. Non spostare più la macchina o rischierai multe davvero salate 😉


Il percorso

Difficoltà: medio, per persone allenate
Durata: 5.30 h A/R
Dislivello: 790 m
Segnavia: sentieri 10-5-1

Dal parcheggio di Compaccio (1.870 m) si seguono le indicazioni per il rifugio Bolzano lungo il sentiero 10 che attraversa le sterminate praterie dell’Alpe di Siusi, tra caratteristiche baite e animali al pascolo.

Si possono percorrere due sentieri per arrivare al Rifugio Bolzano:

  • quello più semplice passa per la Saltner Hütte (1850 m) e, dopo aver attraversato il ponte in legno sul torrente Rio Freddo, continua lungo il sentiero 5 risalendo le pendici dello Sciliar, per poi collegarsi al sentiero 1.
  • quella un po’ più impegnativa passa invece per la Prossliner Schwaige (1.740 m). Da qui si attraversa sempre il torrente ma più in basso e si prosegue sul sentiero 1A per poi ricollegarsi al sentiero 1, detto anche “Sentiero dei turisti”.

Noi abbiamo optato per la seconda opzione all’andata e per la prima al ritorno.

Malga Prossliner Schwaige all'Alpe di Siusi

Il sentiero 1 sale senza tregua lungo infiniti tornanti ed è quasi totalmente esposto al sole. In alcuni tratti richiede un po’ di attenzione, ma non presenta particolari difficoltà (prestare invece molta attenzione alle rocce che diventano scivolose in caso di pioggia).

Sentiero verso il rifugio Bolzano

Mano a mano che si sale la vista sull’Alpe di Siusi diventa sempre più spettacolare: impossibile non fermarsi ad ogni curva per ammirarla! E per prendere fiato 😉 

Sentiero verso il rifugio Bolzano con vista sull'Alpe di Siusi

Quando si raggiunge il ciglio dell’altopiano dello Sciliar, a quota 2.350 m la salita vera e propria finisce ed il percorso prosegue in falsopiano. Da qui in circa 30 min si raggiunge il rifugio Bolzano (2.450 m).

Il rifugio è chiamato anche il “castello tra i monti” e la sua costruzione lo ricorda davvero! Uno dei più bei rifugi di tutta la regione, offre un’ottima cucina altoatesina e ben 120 posti letto che per la media dei rifugi sono extra lusso 😉

Rifugio Bolzano sullo Sciliar

Ma la chicca del rifugio è la vista di cui gode: uno spettacolo che ti lascerà davvero a bocca aperta! E se ti è rimasta ancora qualche forza puoi salire fino alla cima Pez, a 15 min dal rifugio, che regala una vista a 360° sull’Alto Adige.

Vista sulle Dolomiti dal rifugio Bolzano

Per il rientro verso l’Alpe di Siusi si ripercorre lo stesso tragitto dell’andata. Anche in discesa il tempo di percorrenza non è brevissimo: ci vogliono circa 2 ore per tornare a Compaccio. Ma chi la sente la fatica in un posto così? 😉


TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

error: Content is protected !!